Close

Alessandra Coretti – articoli

Articoli e contributi di Alessandra Coretti per il Centro Antroposofia di Torino

IL RITRATTO DI DANTE – A 700 anni dalla sua morte

Dante - Sandro Botticelli 1495 Ginevra, collezione privata

Immagine 1: Dante – Sandro Botticelli 1495 Ginevra, collezione privata   Quando pensiamo a Dante, vediamo subito il suo inconfondibile profilo: il naso aquilino, la bocca segnata dallo sdegno e la profondità dello sguardo, il capo ornato con la corona d’alloro, simbolo della sua fama letteraria, e il mantello rosso […]

Leggi ancora

PER L’ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI ELISABETH VREEDE

Elisabeth Vreede - anniversario della nascita

Il 16 luglio 1879 (un anno epocale) nacque Elisabeth Vreede: in questa occasione desideriamo ricordarla e provare ad avvicinarci a un personaggio rimasto sconosciuto ai più. La documentazione e le informazioni riguardanti il suo lavoro e la sua biografia sono scarse e lacunose, al punto che è tuttora presente il […]

Leggi ancora

L’UMORISMO È UNA COSA SERIA

L’umorismo è una cosa seria - Alessandra Coretti

Cari amici, arriva la pausa estiva e vorremmo salutarvi con un sorriso condividendo in traduzione una breve testimonianza tramandataci da Manfred von Kries. In un curioso episodio del 1921 l’autore ci rallegra l’animo con un’immagine emblematica della prontezza di spirito, del bel garbo e dell’acutezza di Rudolf Steiner, e ci […]

Leggi ancora

TUTTO CORRE – Una riflessione di Byung-Chul Han

Il tempo corre

Tratto da Kapitalismus und Todestrieb (Capitalismo e pulsione di morte) – 2019 Nato a Seul nel 1959 Byung-Chul Han vi studiò i metalli e la loro lavorazione, finché negli anni ’80 lasciò la Corea del Sud per stabilirsi in Germania, dove ha studiato appassionatamente filosofia e letteratura tedesca nonché teologia […]

Leggi ancora

LA DOMANDA

Parsifal

Cari amici, l’atmosfera di Pentecoste domina questa settimana dell’anno e pervade tutto con il suo respiro universale. Ci ricorda che c’è qualcosa che varca i confini, che supera le diversità di linguaggio, che tiene unita tutta l’umanità. Rudolf Steiner definì Pentecoste la festa dell’individualità libera e del futuro in quanto legata all’impulso […]

Leggi ancora

Tempo di ferite e di grandi opportunità

Diventare contemporanei - Christine Gruwez

Cari amici, l’intenso periodo della Pasqua da poco trascorso ha portato con sé uno splendore di nuova vita. A far brillare ancora tale luce contribuiscono in modo speciale le parole di Christine Gruwez. Qui di seguito pubblichiamo in traduzione il suo articolo comparso sulla rivista Das Goetheanum lo scorso 31 […]

Leggi ancora

I PENSATORI TRASVERSALI

I PENSATORI TRASVERSALI

Nel corso degli ultimi mesi in Germania l’antroposofia e la sua applicazione in diversi ambiti di attività sono state oggetto di critica a causa dei dissensi espressi rispetto alle misure di legge adottate a livello nazionale per il contenimento del Coronavirus. Queste voci dissonanti rientrerebbero nella variegata categoria dei Querdenker […]

Leggi ancora

Quello che non può morire

Quello che non può morire – Guenther Wachsmuth, una riflessione

Guenther Wachsmuth, una riflessione Cari amici, nelle ultime due dense settimane abbiamo riportato il pensiero alla figura di Rudolf Steiner nel giorno della sua morte, e abbiamo poi vissuto l’evento della Pasqua, illuminato dalla forza della Resurrezione. In continuità con i temi del ricordo del maestro e del superamento della […]

Leggi ancora

30 Marzo 1925 – in ricordo della morte di Rudolf Steiner, una testimonianza

La tomba di Rudolf Steiner a Dornach

Cari amici, questa settimana che annuncia la Pasqua è dominata dal ricordo della morte di Rudolf Steiner, avvenuta il 30 marzo 1925 al culmine di un’instancabile attività di ricerca e divulgazione. La sua fu un’attività che per mole e differenziazione è assolutamente irripetibile e non trova eguali, tanto da superare […]

Leggi ancora

Un ricordo di Rudolf Steiner a 160 anni dalla sua nascita

Rudolf Steiner scolpisce il gruppo ligneo

La straordinaria personalità di Rudolf Steiner è vivacemente descritta in un gran numero di memorie redatte da amici e collaboratori, diretti testimoni degli intensi anni della sua ramificata attività. Ognuna di queste voci contribuisce a restituire un ritratto del suo eccezionale modo di essere nella vita di ogni giorno, nelle […]

Leggi ancora